EN
Categorie
EN

Home>Centro informazioni>Maggiori Informazioni

Storia della microfusione

Di Li Chenyu / hcfire360 Luglio 2021

La tecnica di base della microfusione, sotto il suo nome popolare "fusione a cera persa", ha una storia di utilizzo nel mondo che risale a secoli fa. È uno dei metodi di modellatura dei metalli più antichi conosciuti.

Cavigliere in bronzo, risalenti al 4500 aC, sono state ritrovate in Asia orientale e fusioni a cera persa in Mesopotamia a partire dal 4000 aC circa; i cinesi usarono la tecnica intorno al 2000-3000 aC per fondere elaborati oggetti in bronzo e molti esempi di forme colate con delicata filigrana possono essere datati alla dinastia Shang. La conoscenza del processo era diffusa nel mondo antico e, al tempo di Cristo, sembra che fosse praticato in Cina, Sud-Est asiatico, Mesopotamia, Grecia, Italia e Nord Europa.

Poco si sa dei progressi di questa versatile tecnica di fusione per quasi 1000 anni. In India sono stati trovati notevoli pezzi di rame, ritenuti fusioni a cera persa del 900 d.C. circa. Nel XIII secolo, le effigi tombali in bronzo venivano fuse a cera persa, ad esempio quelle del re Enrico III e della regina Eleonora nell'abbazia di Westminster.
In Sud America, gli orafi di Quimbaya della Valle del Cauca della Columbia producevano figure e gioiellieri in oro fuso con cavità dettagliate e intricate con metodi a cera persa, e gli orafi aztechi sono noti per aver usato il metodo.

I dentisti iniziarono il processo, verso la fine del secolo, per produrre pezzi fusi precisi per otturazioni in oro e intarsi dentali ed è a questa industria che deve andare molto credito per lo sviluppo di alcuni dei metodi di base da cui dipende la moderna microfusione di ingegneria . Nel 1932, hanno sviluppato il processo di stampo a blocchi di ceramica a cera persa (un'alternativa al processo di rivestimento in ceramica) e la serie di leghe resistenti al calore al cobalto-cromo per applicazioni dentali e componenti ortopedici.

Oggi i getti di precisione vengono utilizzati nei seguenti settori: nelle industrie delle attrezzature agricole, della lavorazione dei minerali, delle attrezzature minerarie, dell'industria petrolifera e del gas, delle attrezzature pesanti e dell'aggancio al suolo, delle macchine alimentari, dell'industria automobilistica, dell'industria ferroviaria, dell'industria navale, dell'industria del cemento, Industria energetica, ecc.